mercoledì 11 luglio 2012

De Gustibus... Fuori luogo!

Salve a tutti voi! Il cattivo gusto è tra noi e come si combatte il nemico? Conoscendolo a fondo. Quando qualcosa è di cattivo gusto non tutti la noteranno, ci saranno occhi più allenati, più raffinati, dal gusto più ricercato. Allenate bene i vostri sensi a riconoscere questo nemico ed evitarlo!


Non ho sbagliato sottolineando i vostri sensi, perché il buon gusto non è solo nel vestire, ma nei modi di fare, in tutto. Questa volta voglio parlarvi del “fuori luogo”. Fuori luogo può essere un abito ma anche l’impostazione di una conversazione, una domanda.  Spesso il concetto di fuori luogo non è percepito nemmeno dalla vittima oltre che dall’interlocutore che ci è caduto.


Se l’occasione è di gaudio non mi sognerei mai di menzionare un brutto episodio di una persona o peggio chiedergli notizie in merito. Se siete ad una premiazione, congratulatevi con la persona, chiedetele i suoi contatti, e trattate l’infausto argomento in separata sede, sottolineando che quella non vi sembrava l’occasione giusta. L’interessato apprezzerà la vostra delicatezza.


Non fate domande scomode sul passato di una persona all’interno di una conversazione, specie se siete in gruppo e se non conoscete abbastanza la persona (beh se la conoscereste bene, sapreste tutti i dettagli!). Se la persona accenna alla sua vita, evitate di approfondire ma fate capire che comprendete il suo disagio, o almeno cercate di comprenderlo. No, non si offenderà se è questo che vi chiedete. Perché avrete un po’ glissato ma solo per il suo rispetto. La serata danzante potrebbe trasformarsi nel talk show sulla vita del malcapitato con tanto di domande scottanti e degli opinionisti di turno.


Sono stata opinionista, ma lo facevo all’Arena di Giletti o in qualche dibattito privato lo sono ancora, non mi sognerei mai di farlo ad un aperitivo, ad un party o un vernissage! Un party è un party!


 Se l’interessato riprende l’argomento sottolineate che non avete approfondito perché non era l’occasione adatta, apprezzerà la vostra discrezione! E voi? Siete d’accordo con me?

21 commenti:

  1. Io lo sono in tutto e per tutto d'accordo con te, ormai ci crediamo talmente fighi da poter fare quello che vogliamo e questo come dici tu comporta anche domande indiscrete. No, no, no, cosi non và bene, dobbiamo rispolverare il buon senso e sopratutto il tatto!!

    RispondiElimina
  2. eheh perfettamente d'accordo ;)
    buona giornata!!

    RispondiElimina
  3. Per come sono fatta io preferisco farmi gli affari miei e parlarne solo se la persona vuole farlo con me.
    Quindi sono completamente d'accordo che ci sono momenti e luoghi adatti per qualsiasi cosa.

    RispondiElimina
  4. Assolutamente d'accordo, è anche una questione di rispetto e decoro, oltre che di buon gusto :)
    Mina, from THE STYLE FEVER BLOG - New outfit post, CLICK HERE :)

    RispondiElimina
  5. Concordo pienamente: viva l'educazione e abbasso la cafoneria ;)))

    www.lostinunderwear.blogspot.com

    RispondiElimina
  6. che bel post .. dovrebbero metterlo sui quotidiani affinchè la gente legga e imparti a comportarsi civilmente!!

    RispondiElimina
  7. hai ragione no comment per il cattivo gusto delle persone!!!

    laura,
    http://glampond.blogspot.it

    RispondiElimina
  8. perfettamente d'accordo con te, mi è piaciuto molto il post!

    RispondiElimina
  9. D'accordissimo!!! bello questo post!!!complimenti cara!!! ti seguo! un bacione

    www.lefamilledelamode.blogspot.com

    RispondiElimina
  10. Sono più che d'accordo, la discrezione è alla base del rispetto reciproco. Brava post molto molto intelligente e ben scritto!Don't Call Me Fashion Blogger
    Facebook
    Bloglovin'

    RispondiElimina
  11. Perfettamente daccordo!!!

    Sul mio blog é partito il mio primo giveaway - vinci un bracciale Cruciani!!!

    RispondiElimina
  12. bel post cara!!!
    sono d'accordo con te!
    in pieno!!!
    il cattivo gusto lo riscontro molto spesso anche in molti blog,
    come il vantarsi in continuazione sembra di leggere i temini tante volte di bambine deficienti...
    potrebbero intitolarli "ME LA MENO "o gne gne gne...

    MA NON è IL TUO CASO !!! ANZI, mi ha fatto piacere scoprire il tuo blog;)))
    grazie del tuo commento e del follow!!!

    ricambio con piacere!

    amy

    THE FASHIONAMY ♥♥♥♥♥♥ BLOG

    RispondiElimina
  13. ciao Maria Pia!:) Ti seguo anche io con piacere!:) Sono d'accordissimo con te!:) Bel post! Un bacione e buona giornata!:)

    RispondiElimina
  14. Carino il tuo blog!
    Spero mi passerai a trovare.. http://namelessfashionblog.blogspot.it/
    E se vuoi possiamo seguirci a vicenda!
    Elisa

    RispondiElimina
  15. Grazie per essere passata dal mio blog. Ti seguo anch'io!
    xoxo
    blog.dorafashionspace.com

    RispondiElimina
  16. sono assolutamente d'accordo con te! l'importante poi è dirlo con tatto!

    RispondiElimina
  17. love it!!

    xx

    www.aroundlucia.com
    www.aroundlucia.com

    RispondiElimina
  18. Capita spesso di imbattersi in persone curiose ed invadenti, che fanno domande con insistenza riguardo alla nostra vita privata. Magari esordiscono con un semplice: "..signora o signorina..?", per poi passare, se ti sei un attimo distratta, a domande più circostanziate, talvolta scavando persino nei particolari. E' questo un esempio di "fuori luogo" molto frequente in ambito provinciale, dove la gente sembra abbia bisogno di sapere, di catalogare, per potersi confrontare e poter poi "separare". Ho imparato presto ad arginare il fiume di domande che potrebbe piovermi addosso rispondendo alla domandina fatidica;..."dopo i 18 siamo tutte signore...vuole sapere altro..?" Emilia

    RispondiElimina