giovedì 18 ottobre 2012

L'abito FA il monaco!

 
Salve miei Fashion Ironic,
 
questo post nasce da una serie di ispirazioni... La prima è un dialogo con Emilia, la mia opinionista numero uno (se facessi un programma lei sarebbe una dei protagonisti), una volta parlando mi disse che io sì, amo la moda, ma non in modo superficiale, perchè la moda è un fenomeno sociale, sociologico. "Anche la Merkel dovrà pensare a cosa indossare per una determinata occasione" mi disse. La seconda ispirazione sono state le notizie che ho sentito ai telegiornali. La terza è stata una frase che ha detto Enzo Miccio ad un workshop a cui ho partecipato, il discorso era legato alla comunicazione, nella specie la comunicazione non verbale, ovviamente l'abito fa parte di questo. L'ABITO FA IL MONACO. L'ha detto con una decisione e con una verità... Non ho fatto un applauso perchè mi avrebbero presa per pazza e perchè c'era da applaudire sempre...

 
A me fanno molto ridere quei radical chic che si credono al di sopra di tutto ciò che sia MODA, FASHION e tutto ciò che reputano SUPERFICIALE. Adoro quella scena de "IL DIAVOLO VESTE PRADA" dove una spettacolare Maryl Streep, nei panni della direttrice della rivista di moda più importante al mondo dice: " Ma sì certo, tu pensi che questo non abbia nulla a che vedere con te. Tu apri il tuo armadio e scegli.. non so, quel maglioncino azzurro infeltrito, per esempio, perchè vuoi gridare al mondo intero che ti prendi troppo sul serio per curarti di ciò che hai addosso...  Ma, quello che non sai è che quel maglioncino non è semplicemente azzurro, non è turchese, non è lapis. E' effettivamente ceruleo...
 
 
 
... E sei anche allegramente inconsapevole del fatto che nel 2002 Oscar De La Renta ha realizzato una collezione di gonne cerulee e poi è stato YSL, se non sbaglio, a proporre delle giacche militari color ceruleo. E poi il ceruleo è rapidamente comparso nelle collezioni di 8 diversi stilisti. Dopodichè è arrivato è arrivato poco a poco nei grandi magazzini e alla fine si è infiltrato in qualche tragico angolo casual, dove tu lo hai pescato nel cesto delle occasioni. Tuttavia, quell'azzurro, rappresenta milioni di dollari e innumerevoli posti di lavoro. E siamo al limite del comico quando penso che tu sia convinta di aver fatto una scelta fuori dalle proposte della moda. Quindi in effetti indossi un golfino che è stato scelto per te dalle persone qui presenti... In mezzo a una pila di roba...".
Non son riuscita a tagliarlo.. Anzi eccovi il link se vi va di vedere la scena:
 
 
La moda riguarda tutti. La moda ci riguarda, da vicino. Perchè noi siamo ciò che indossiamo, o meglio comunichiamo ciò che siamo con ciò che indossiamo. C'è sempre un buon motivo per chiedersi cosa mettere. Non occorre essere personaggi pubblici o televisivi per chiedersi: "Avrà senso indossare questa giacca, colore, tacco, gonna?". E a proposito di personaggi pubblici, è di ieri la notizia, che ha fatto il giro del mondo, del piccolo incidente del primo ministro australiano Julia Gillard.
 
 
Niente di grave, fortunatamente, ma la premier è caduta sull'erba, inciampando su un tacco che le si era conficcato nell'erba. Si poteva evitare... In molti modi, innanzitutto esercitandosi a camminare sui tacchi, oppure optando per un look più consono al proprio stile di vita, restando però sempre impeccabile. Restando in politica internazionale, è di ieri la notizia del dibattito secondo dibattito presidenziale Obama-Rommley, dove è avvenuto il riscatto dell'attuale presidente.
 
 
MA sorpresa: Le due FIRST LADY erano vestite della stessa tonalità di rosa, o meglio di una tonalità simile di rosa shocking: più deciso per Michelle in tubino e bolero, più chiaro per l'abito a maniche corte di Anne. La notizia ha fatto il giro del mondo... Per la stampa erano vestite uguali. No, uguali no. Però che smacco... Tra tanti colori sceglierne uno che differisce di un solo tono..Ci vuole arte! Qualcuno ha pensato che abbiano optato per il rosa per via del mese corrente, dedicato alla lotta al cancro al seno.  Io preferisco Michelle... Voi? Concludo sottolineando che sì..L'abito, in questo senso, fa il monaco! Siete d'accordo?

 
 
 
 
 
 

22 commenti:

  1. Quella scena del film "il diavolo veste Prada" mi fa morire dal ideare!!
    Vorrei imparare quell frase a memoria ma figuriamoci se mi entra in testa x quanto l adori!!!

    RispondiElimina
  2. Eccome se me la ricordo quella scena, non ricordo se pero' c'era nel libro in ogni aso l'ho trovata geniale e i. Questo post hai proprio centrato i punto!
    Xx
    http://www.dontcallmefashionblogger.com/

    RispondiElimina
  3. Ciao Mary! Sono d'accordo con te! Anche a me fa troppo ridere la scena del film! Eh sì anche io preferisco Michelle! Buona giornata! Un bacio!:)

    RispondiElimina
  4. Fantastica la scena del maglioncino ceruleo, l'ho riletta con avidità perché era una delle mie preferite di quel bellissimo film!
    Si può pensarla in due modi diametralmente opposti: 1) che la moda è effimera, visto che dopo 6 mesi le collezioni sono già vecchie e vengono cambiate, oppure 2) che la moda è un business enorme con dietro milioni di posti di lavoro. In ogni caso: viva la moda e viva il Made in Italy ;)))

    www.lostinunderwear.blogspot.it

    RispondiElimina
  5. E' ovvio che l'abito faccia il monaco. E' sempre stato oosì e sarà sempre così!

    Ps: la scena di Miranda che fulmina Andrea credo sia una delle migliori di sempre! <3

    RispondiElimina
  6. Bellissimo blog!

    P.S. Ti va di seguirci a vicenda?
    http://www.eleganceofluxury.blogspot.it

    Bacio!

    RispondiElimina
  7. altro che se l'abito non fa il monaco!!!che ci piaccia o no è cosi:-)

    RispondiElimina
  8. Bello questo post, concordo su tutto ! Preferisco anche io la mise di Michelle ! Grazie per il follow, ricambio volentieri e ti invito anche sulla mia pagina FB :) Bacioni e a presto !

    Fashion and Cookies
    Fashion and Cookies on Facebook

    RispondiElimina
  9. Splendida riflessione mary, condivido ogni cosa!

    in ogni caso, ti ringrazio di essere passata sul mio blog
    pur essendo io una Suororsolina (che caso!) quella non è la terrazza dell'unisb
    è solo un palazzo molto alto dall'altra parte del vesuvio, con una veduta su castellammare di stabia, la mia città!
    Spero che continuerai a seguirmi! nei prossimi giorni posterò gli altri due outfit per il contest!

    RispondiElimina
  10. Quella scena del diavolo veste Prada è in assoluto la mia preferita!!!
    Adoro!!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  11. Bell'articolo! e da sempre l'abito fa il monaco!concordo!

    RispondiElimina
  12. L'abito si...fa il monaco, anche quando non ne siamo coscienti. Quando crediamo di aver preso dal guardaroba una robina a caso...e no! guarda caso, quella robina somiglia in qualche modo a tutto ciò che c'è nell'armadio. Perché è proprio nel momento in cui acquistiamo un capo che decidiamo più o meno coscientemente quale deve essere il nostro stile, e ciò che vogliamo comunicare di noi agli altri. Perché abbigliarsi non è semplicemente coprirsi, ma è una vera e propria forma di comunicazione, come la musica ed ogni altra espressione artistica. Attraverso ciò che indossiamo diciamo agli altri chi siamo e, inconsciamente, cosa vorremmo essere e...cosa vorremmo far credere di essere... Emilia 20 ottobre 2012 0re 22.48

    RispondiElimina
  13. Eh sì concordo. l'abito fa proprio il monaco


    passa a trovarmi, oggi ti spiego come vincere un gioiello in argento!
    Style shouts

    RispondiElimina
  14. Secondo me l'abito fa il monaco nel senso che tramite i vestiti ognuno esprime la sua personalità ed è anche vero che una persona deve sapervi vestire rispetto all'ambiente in cui si trova.Non ti puoi vestire nello stesso modo per andare in discoteca e per andare all'università per dire.
    Sono una tua nuova follower! :)

    http://onlyastorminacoffeecup.blogspot.it/

    RispondiElimina
  15. Eccezionale,stupendo. "La moda riguarda tutti. La moda ci riguarda, da vicino. Perchè noi siamo ciò che indossiamo, o meglio comunichiamo ciò che siamo con ciò che indossiamo. C'è sempre un buon motivo per chiedersi cosa mettere." ...La moda non è solo un fenomeno sociale o sociologico,la moda è il modo più diretto ma allo stesso tempo più complesso per gridare chi siamo,come stiamo e dove vogliamo arrivare...è traduzione in tessuto della nostra personalità,dei nostri stati d'animo.Dal modo in cui ci avvolgiamo in una stola,dal colore del nostro maglione,dalla forma delle nostre scarpe e dalla capienza della nostra borsa si carpisce la nostra identità in ogni singolo istante. Alessio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "è il modo più diretto ma allo stesso tempo più complesso per gridare chi siamo,come stiamo e dove vogliamo arrivare...è traduzione in tessuto della nostra personalità,dei nostri stati d'animo.Dal modo in cui ci avvolgiamo in una stola,dal colore del nostro maglione,dalla forma delle nostre scarpe e dalla capienza della nostra borsa si carpisce la nostra identità in ogni singolo istante". UN Ti Amo ti basta? <3

      Elimina
  16. Ciao Mary, perfettamente d'accordo con te e con quello che scrive Alessio nel commento. Quello che indossiamo dice tante cose di noi, anche quanto siamo state superficiali a comprare quel pezzo che poi non ci sta così bene!!! :D
    Seguire la Firt Lady dà un sacco di soddisfazioni, il suo look è perfetto ogni volta, molto contemporaneo!

    RispondiElimina