venerdì 6 giugno 2014

Pitti 2014: Kjøre Project

Dal 17 al 20 giugno 2014 torna a Firenze il Pitti Uomo, nella storica location della Fortezza da Basso, il cui tema guida quest’anno è Ping Pitti Pong, ispirato al mondo dello sport ed al suo fitto intreccio con la moda, l’infinita partita in cui ogni volta la risposta è diversa, il risultato incerto, la strategia e l’esito finale cambiano - ha spiegato il vicedirettore generale di Pitti Immagine, Agostino Poletto. Tra i 1.030 marchi maschili che esporranno a questa 86esima edizione, per il secondo anno consecutivo ci sarà anche Kjøre Project, il brand made in Italy dal nome norvegese, noto per i suoi accessori e pellami di qualità realizzati con un processo di concia sviluppato in tempi antichi, lento e laborioso basato sull’abilità e maestria dei conciatori Italiani, appassionati e impegnati nel loro lavoro. Kjøre Project sarà presente al Pad. My Factory, Stand 12, Ground Floor e per questa edizione ha previsto una collaborazione con Officine Milani, per delle biciclette a scatto fisso, con l’aggiunta di accessori in pelle studiati appositamente per il mondo delle bike, in perfetto tema sportivo del Pitti. Altre novità, una nuovissima gamma di wallets, nuovi materiali come il canvas, e nuovissimi materiali per le cover, dal rame all’argento all'oro verde. Ogni prodotto è realizzato artigianalmente con la massima cura e richiama un sapore vintage. Kjøre Project si focalizza su piccoli accessori in pelle come portafogli, portamonete, porta documenti e borse dal sapore naturale e resistente. Un'idea che già da molto tempo era nella mente di Luca, il suo ideatore, partita con la semplice idea di realizzare valigette porta pc e successivamente ampliata con l'aiuto di un amico nonché ex socio; costantemente coadiuvati da esperti e stilisti del settore che non hanno mai fatto mancare il loro supporto tecnico. Il Brand è nato per gioco e senza aver prefissato alcun obiettivo, un gioco che però sta avendo successo e sta riscontrando gli apprezzamenti del pubblico. Pellami naturali che arrivano dalla lontana Nuova Zelanda, ed i quali invece di secchezza e screpolature sviluppano la propria patina gradualmente, cambiando aspetto e assumendo il carattere del suo utente nel tempo; cicatrici, graffi, vene e le rughe che danno ogni pezzo della loro collezione il suo carattere unico non levigato o lucidato prima dell'uso. Hanno scelto appositamente di non coprire le piccole imperfezioni con sigillanti vernici o finiture artificiali e sono consapevoli di come i nostri materiali appaiono dopo le 12, 18 e 24 mesi di uso pesante. La lavorazione è interamente handmade ed il loro team di progettisti e artigiani produce ogni pezzo di Kjøre Project a mano, utilizzando lo stesso stile e gli stessi strumenti che sono stati utilizzati per creare la pelletteria per anni, non esistono fustelle in acciaio ma solo dei semplici cartoni di riferimento che utilizzano i modellisti impegnati in questo lavoro, difficile da credere ma chiunque voglia lo può vedere di persona, le loro porte sono aperte a tutti. Comunicato stampa a cura di Anna Pernice

4 commenti:

  1. Che belli questi pezzi! Caterina www.imieioutfit.blogspot.com

    RispondiElimina
  2. Che bello lo zaino! Davvero dei prodotti di ottima qualità!

    RispondiElimina
  3. una vera innovazione di design,bello
    non conoscevo il brand
    nuovo OUTFIT da me,ti va di darmi il tuo parere?
    http://tr3ndygirl.com
    buon inizio settimana,un bacione

    RispondiElimina