martedì 5 maggio 2015

Ma quale curvy revolution?

Ne sono passati di anni da quando, presentavo la mia tesi dove analizzavo gli stereotipi di bellezza femminile nella pubblicità, andando a dimostrare, per tutta una serie di ragioni psicologiche e sociologiche, che in realtà erano immagini di come l'uomo la voleva. La donna, ancora una volta, vittima di una società "fallocentrica". Certo un pensiero riassunto in 3 righe corre il rischio di "banalizzarsi" ma il succo è che queste immagini non corrispondo a come noi ci vorremmo, ma a come ci vorrebbe l'uomo, ancora una volta, a decidere, lui. Ho sempre combattuto gli stereotipi di bellezza, sostenendo l'importanza di un concetto più vario di bellezza, più etico. Ultimamente si parla tanto di curvy revolution e sembra che il mondo abbia accettato l'idea che la bellezza non risieda in una taglia, che non possa essere misurata con un metro (anzi centimetro!) e che ci sia spazio per le donne burrose, curvy, che "vanno di moda" come tutti dicono. Bellissime immagini e campagne come questa hanno fatto capolino nelle nostre vite ... Riuscendo pian piano a farci accettare l'idea che curvy è possibile ... Curvy esiste e (Addirittura) curvy è fashion! Purtroppo però l'impatto con la realtà è duro e, almeno per quanto mi riguarda, poi è tutta un'altra cosa ... Un conto sono le parole altro i fatti, i pensieri e gli atteggiamenti ...

16 commenti:

  1. spesso in tv viene mostrato un corpo curvy ma comunque ben fatto, di modelle che fanno questo di professione, è ovvio che poi in realtà non ci si riconosce nemmeno in queste persone, è dura identificarsi, aldilà della taglia.

    RispondiElimina
  2. Quando smetteranno di proporre intere collezioni adatte solo a chi non ha seno nè fianchi, quando le 48 sfileranno sulle passerelle assieme alle 38 e possibilmente senza vestiti alla tendone di Moira Orfei, allora potremo veramente parlare di curvy revolution.

    RispondiElimina
  3. anche se io sono davvero magrissima, mi trovi completamente d'accordo con il tuo pensiero
    un bacione
    http://tr3ndygirl.com
    kiss

    RispondiElimina
  4. Hai ragione Mary, io per quanto leggo di questa revolution e maggiore accettazione, noto una grande ipocrisia, a parole si ha un atteggiamente favorevole ma nei fatti si sceglie ancora l'immagine che l'uomo ha della donna. Ad ogni modo passi avanti ce ne sono stati eccome. Un bacione!:*

    RispondiElimina
  5. Ha detto bene, a parole tutti bravi ma poi nei fatti sono le magre a destare ammirazione ed interesse.
    Poi cmq un conto è curvy, ed alcune donne così sono bellissime, un conto è grasso come vedo in alcune campagne.
    Bacio

    NEW POST

    www.angelswearheels.com

    RispondiElimina
  6. vero a parole tutti bravi poi nei fatti...tempo fa ho sentito donne parlare della taglia 42 cm fosse una taglia forte..siamo veramente alla follia...bello qst post!!

    RispondiElimina
  7. Hai ragione, curvy curcy ma nei cartelloni pubblicitari ci sono solo modelle magrissime! Bisogna anche dire che un corpo curvy e curato è ammirevole, magari quando si tocca l'obesità si va incontro anche a problemi fisici che vanno oltre il fattore estetico.


    http://anotherearthpink.blogspot.it/

    RispondiElimina
  8. Non sapevo della tua tesi su un argomento così interessante....
    Hai ragione Mary, c'è una grande ipocrisia di fondo! Io dico che la donna curvy ben venga se é curata ed elegante, significa che ha accettato il suo corpo e ama se stessa!!!
    Domani sarò a Napoli all'evento Roy Rogers, come blogger ambassador, vuoi venire???
    xo Paola
    Expressyourself
    My Facebook

    RispondiElimina
  9. Ciao cara,
    io sono totalmente per la Curvy Revolution!!!
    Baci,
    Coco et La vie en rose - Valeria Arizzi

    RispondiElimina
  10. Ciao!

    Bel post Mary!

    Un abbraccio!

    Paolo

    RispondiElimina
  11. ciao Mary, bellissimo post!
    purtroppo siamo ancora lontanissimi da questa "rivoluzione curvy", è pur vero che qualche passo di apertura c'è stato...ma ancora troppo poco!
    un bacio

    www.tirateladimeno.it

    RispondiElimina
  12. la cosa più bella è accettarsi, curvy o non!
    Nameless Fashion Blog

    RispondiElimina
  13. Mi sentivo di aggiungere... Le schiave di questo mondo fallocentrico che non accettano coloro che cercano di vivere serenamente con il proprio corpo sono la feccia del peggio. Leggo status su FB di donne che denigrano le campagne di sensibilizzazione volte a cogliere la bellezza che esula dagli stereotipi (non solo curvy) e mi chiedo perchè le donne continuino a volersi male! Un bacio

    RispondiElimina
  14. Concordo, è vero, se ne parla di più, girano più immagini e concetti ma non dovrebbe essere nessuno ad inculcarci uno stereotipo ne da un lato ne dall'altro. Dovremmo essere noi donne in primis ad accettarci come siamo con pregi e difetti che ci rendono uniche. Ognuna a modo suo. :)

    RispondiElimina
  15. Bello questo articolo! Non ho niente da aggiungere. Gli altri hanno già scritto quello avrei scritto anch'io.

    Caterina
    www.parfimo.it

    RispondiElimina