venerdì 17 settembre 2021

Aurora Leone ritira il premio ‘Impresa&Cultura’

 Ironica, dotata di acuta intelligenza, coraggiosa e social anzi socialissima. Aurora Leone,  è stata protanista assoluta domenica sera a San Leucio durante la terza edizione di ‘Vanvitelli sotto le stelle’, rassegna cinematografica ideata da Confcommercio Caserta in collaborazione con il Comune.

Sul palco del Belvedere, l’attrice e comica, ha ritirato il quadro raffigurante la Reggia di Vanvitelli realizzato dall’artista Alessandro Ciambrone e si è detta felicissima di ricevere il premio ‘Impresa&Cultura’ Confcommercio Caserta che l’associazione di categoria le ha attribuito per: "aver conferito lustro a questo territorio con il suo straordinario talento artistico". 

Aurora Leone ritira il premio (credit foto: Ufficio Stampa)


A tal proposito la premiata ha ribadito il suo legame inossidabile con la città dove è nata e cresciuta.
Simbolo di ironia e leggerezza senza mai essekre banale, la Leone si è distinta sui social per le quell'ironia attenta e mai volgare che può esplodere sui social e arrivare oltre. A consegnare il premio la Dott.ssa Anna Campanile, dirigente del settore comunicazione della MD spa, main sponsor della manifestazione, che ha rimarcato l’importanza della rappresentatività.

Aurora Leone (credit account Facebook)



 ‘Abbiamo scelto di affidare ad Aurora questo riconoscimento – ha dichiarato – per la sua grande capacità comunicativa che l’ha resa popolare, in primis tra i giovanissimi, consentendole poi di raggiungere un pubblico sempre più vasto che segue con interesse ed entusiasmo il suo lavoro. Ma anche perché riteniamo sia espressione autentica di questo territorio e della sua cultura, un aspetto sul quale abbiamo deciso di puntare proprio attraverso questa rassegna che, anno dopo anno, sta compiendo notevoli passi in avanti’. 


La serata, presentata da Francesco Massarelli, direttore artistico di Vanvitelli sotto le stelle, è proseguita con la proiezione del film ‘Padrenostro’ diretto da Claudio Noce e interpretato da Pierfrancesco Favino. Partner della manifestazione anche le società Italia Paghe e Gi Group, la concessionaria Twins Volkswagen di Marcianise, il negozio di telefonia ed elettrodomestici Vanessa Sound, la pizzeria Sunrise, il negozio di abbigliamento uomo De Matteo di Santa Maria a Vico.  Special Thanks: Ufficio Stampa (Daniela Volpecina).

lunedì 13 settembre 2021

Marianna Bonavolontá e il dramma delle donne afgane rappresentato dai suoi look a Venezia

Quando un look dice di più: la forza e la caparbietà di un messaggio lanciato attraverso dei segni impressi nella moda. Quando la tendenza fa riflettere.  È ciò che è accaduto a Venezia, dove dei look hanno rappresentato qualcosa di più dell'estetica, ma lanciato un messaggio a favore delle donne afgane. Vi racconto tutto procedendo per step.

  La crisi creatasi in Afghanistan è stata oggetto di discussione di un panel proposto durante la 78esima edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia.

A questa, che si configura ome prima iniziativa della Biennale dedicata al tema, ha partecipato la regista afghana Sahraa Karimi, prima presidente donna dell’Afghan Film Organisation. La regista è autrice dell'appello per sensibilizzare i media, i governi e le organizzazioni umanitarie mondiali sulle condizioni che sta vivendo recentemente il suo Paese. Argomento del panel, la drammatica situazione dei registi e, in generale, degli artisti Afghani.  



Marianna Bonavolontà, giornalista, imprenditrice e consulente d’immagine, ha dedicato due outfit alle donne afgane. I due look indossati dalla Bonavolontà sul Red Carpet veneziano pongono l'accento sulle donne afgane private per l’ennesima volta della libertà di essere se stesse. I capi che hanno rimandato al tema sono: una maschera ed una pochette ispirate ai graffiti dell’artista afgana Shamsia Hassani che dal 2010 rappresenta il dramma dell’Afghanistan, in particolare l’oppressione delle donne, dramma che sembrava superato, ma, purtroppo, amaramente attuale.  






Le sue donne sono rappresentate come leggiadre silhouette, immerse nei loro pensieri, con gli occhi bassi, senza labbra. Sono donne eleganti e gentili circondate dalle macerie e dal terrore, espressione di un mondo senza voce. 
In queste settimane le opere di Shamsia impazzano sui social – spiega Marianna -. Tantissime sono le condivisioni sui Facebook e Instagram. Bisogna far qualcosa per non perdere mai la speranza ... A me le opere di Shamsia Hassani ne trasmettono tantissima!".



 “Ho scelto di indossare una maschera che trae ispirazione da un suo graffito raffigurante un volto femminile occultato dalle mani di un uomo e una pochette che riproduce fedelmente un graffito raffigurante una donna che guarda dall’alto la sua città occultata dalle nubi dalle quali emerge solo un palloncino rosso – continua Marianna -. Ho provato più volte a contattare l’artista, ho ricevuto risposta dal suo portavoce che al momento non riesce a mettersi in contatto con lei; tuttavia mi ha rassicurata che sta bene ed è salva”.



La maschera è stata realizzata dall’artista veneziana Barbara Lizza, mentre la pochette è stata dipinta a mano dall’artista napoletana Rossella Guarino (in arte “Libellule di Legno”). Gli abiti indossati da Marianna Bonavolontà, che è impegnata nella valorizzazione dell’artigianato di lusso (in special modo quello “made in Italy”) attraverso il portale “Chic Advisor”, sono stati disegnati e cuciti dalla designer Nicoletta Lucerna; i gioielli da lei indossati sono stati realizzati dal maestro orafo Rosmundo.
credit foto: inviate da Press office.


domenica 12 settembre 2021

Aurora Leone ritira il premio "Impresa e Cultura" al Belvedere di San Leucio

Questa sera la kermesse "Vanvitelli sotto le stelle’ che ha visto appuntamenti culturali tutta l'estate al Belvedere di San Leucio,  si arricchisce di un appuntamento. In apertura di serata, infatti, si terrà la consegna del Premio Impresa&Cultura Confcommercio Caserta. A ritirare il riconoscimento,  l'attrice, autrice e comica Aurora Leone, per aver dato lustro alla città con il suo talento artistico e la sua straordinaria capacità comunicativa.
Sarà Anna Campanile, dirigente del settore comunicazione della MD spa, main sponsor della manifestazione, a consegnare il premio, un dipinto realizzato dall’artista Alessandro Ciambrone. A seguire l’incontro con il regista Claudio Noce, autore di ‘Padrenostro’, un bellissimo e straziante ritratto di un rapporto padre-figlio. Con un magistrale Pierfrancesco Favino che per questa interpretazione ha ottenuto lo scorso anno la Coppa Volpi alla Mostra del Cinema di Venezia.
La storia raccontata sul grande schermo è quella di un bambino di 10 anni, Valerio, la cui vita viene sconvolta da un attentato compiuto ai danni di suo padre da un commando di terroristi. Condurrà la serata Francesco Massarelli, direttore artistico della rassegna ‘Vanvitelli sotto le stelle’, ideata tre anni fa da Confcommercio Caserta e realizzata in collaborazione con il Comune. 



Partner della manifestazione anche le società Italia Paghe e Gi Group, la concessionaria Twins Volkswagen di Marcianise, il negozio di telefonia ed elettrodomestici Vanessa Sound, la pizzeria Sunrise, il negozio di abbigliamento uomo De Matteo di Santa Maria a Vico.